SOCIALE. LAVORO. TRIDICO (PRESIDENTE INPS): “‘CON CIG E BONUS RIDOTTO DEL 55% PERDITA REDDITO DURANTE PANDEMIA”

“Le misure di contrasto alla povertà come il reddito di cittadinanza e di sostegno al reddito come la Cig e i bonus hanno permesso durante la pandemia una riduzione della perdita del reddito del 55%, mettendo il Paese nelle condizioni di ripartire subito. Ma anche in questa nuova fase di ripresa il Reddito di cittadinanza si conferma uno strumento fondamentale di contrasto alla povertà”.

A dirlo il presidente dell’Inps, Pasquale Tridico intervenendo ieri alla presentazione, alla Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, del XX Rapporto annuale dell’Inps, il documento che illustra l’attività e il ruolo dell’Inps nel sistema di welfare nazionale e nell’attuale contesto socioeconomico del Paese.

“I numeri analizzati dal Rapporto Inps evidenziano come prima della pandemia – afferma Tridico – il reddito di cittadinanza aveva arrestato il trend di aumento della povertà assoluta (passato negli indici Istat dal 1,66 del 2006 al 5,04 del 2018, e poi sceso nel 2019, anno di attivazione del reddito, a 4,59), riducendo sia la distanza tra il 20% più povero e quello più ricco dell’indice di povertà, così come l’intensità della povertà e la disuguaglianza.

La distribuzione geografica dei percettori di rdc ricorda poi che ha maggior diffusione in zone con contribuenti Irpef più poveri e maggiore presenza di famiglie con potenziale disagio economico”.

“Su circa 3 milioni di percettori del reddito di cittadinanza, circa la metà nel 2020 risultava composta da minori (circa 800 mila), invalidi (400mila) e pensionati di cittadinanza (200mila).
Inoltre, il reddito di cittadinanza avrebbe messo in luce il vero problema, ovvero l’ampiezza della platea di ‘working poor’, coloro che hanno poche settimane o mesi di lavoro l’anno e quindi salari troppo bassi per migliorare la propria condizione”.

“Il reddito di cittadinanza non può aver creato spiazzamento sul mercato, – ha sottolineato – perché circa due terzi della platea a cui ha dato e dà sostegno o non è occupabile o non è quella ricercata dal mercato”. “Invece attraverso un salario minimo, vi sarebbero impatti positivi per la finanza pubblica, effetti redistributivi sulle famiglie e di contrasto alla povertà, una riforma aumenterebbe significativamente il reddito disponibile dei decimi più bassi della scala di distribuzione del reddito”.

(Adnkronos)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *