Adolescenti e Coronavirus oggi Dr. ssa Alessia Micoli Psicologa Criminologa

I contagi della Sars Cov2 stanno notevolmente aumentando, il virus continua a stravolgere psicologicamente la maggior parte delle persone modificandone la vita, i rapporti, il proprio modo di essere sé stessi.
Gli adolescenti che vedono perdere la propria routine quotidiana fatta di scuola, sport e svago si trovano di fronte ad incertezze ed emozioni sempre più negativa, con nuove regole talvolta opprimenti: lavarsi le mani spesso, igienizzarle, indossare la mascherina, non toccarsi il viso, didattica a distanza.
Il virus sta facendo diventare molto più difficile l’adolescenza, fase esistenziale cruciale, dei nostri giovani, momento in cui avrebbero dovuto esplorare sè stessi ed il mondo circostante, confrontandosi attraverso le relazioni sociali, con il gruppo di pari.
Purtroppo il passaggio alla dipendenza della tecnologia è quasi un passaggio obbligato, poiché l’uso massiccio di cellulare, pc, tablet viene innescato dalla mancanza delle attività sportive, dalla mancanza di contatti sociali con compagni, amici ed anche insegnanti.
Il mondo del web che ha fatto si che studiassero, nonostante la scuola fosse chiusa, e che rimanessero in contatto con gli amici e parenti, durante la chiusura forzata diviene un’arma a doppio
taglio per loro.
Purtroppo, ad associarsi a tutto questo, vi è l’inizio di malesseri psicologici quali: il senso di solitudine, l’insonnia, la rabbia, l’ansia, la noia, la tristezza, il nervosismo, l’insicurezza e gli attacchi di panico.
L’informazione adeguata tramite fonti affidabili è fondamentale così come è importante che venga spiegato loro che provare dell’ansia e paura è normale e soprattutto non sono un segno di debolezza
e che devono riuscire a esporle agli adulti di riferimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *